Intervista a Serena Garitta: L’uomo italiano è davvero mammone?

By | Leave a Comment


Vorrei proporvi un'intervista che ho fatto a Serena per un mio blog su Style.it.
In questi giorni di tensione politica cerchiamo di rallegrare l’atmosfera. Dopo un serie di temi decisamente delicati come il futuro di noi giovani e le unioni gay, oggi parliamo di mammoni.
Volendo anche questo si può trasformare in un argomento serio: basta pensare a quanti fidanzamenti finiscono a causa di uomini non abbastanza cresciuti (non che siano l’unica causa), e quanti matrimoni a causa di suocere invadenti che non sanno staccarsi dai propri figli.
I norvegesi ci prendono in giro ridicolizzando i nostri uomini e raffigurandoli in uno spot come dei viziati bambinoni… eppure io voglio trovarci qualcosa di divertente creando di questi maschietti una simpatica caricatura insieme alla bella e simpatica Serena Garitta.
Chi non se la ricorda? Vincitrice dalla quarta edizione del Grande Fratello. Tutti ci ricordiamo la sua sfrenata passione per Patrick Pugliese che poi, purtroppo, finì nel nulla. Da allora è passato tanto tempo e Serena, da giovane ragazza spensierata e dalla battuta pronta, si è trasformata in una bellissima donna piena di brio che sa sempre farci sorridere, e con una ricca carriera alle spalle.
In sua compagnia voglio parlare proprio di voi maschietti

1.Prima di tutto voglio sapere se ti è mai capitato di stare con un mammone e com’è andata, quali abitudini aveva?
Non posso dire che Cucciolotto (il nome vero non lo ricordo) fosse proprio un mammone; certo, il fatto che io non rammenti il suo nome ma solo il simpatico epiteto che usava la madre per richiamarlo a pranzo farebbe pensare il contrario, ma vi assicuro che la carnina se la tagliava da solo, la madre levava solo il grasso.

2.Mammone può essere sinonimo di immaturo o è solo un uomo a cui piace essere coccolato e viziato dalla mamma? Una mamma che lo solleva dal prendersi alcune responsabilità.
Per quale motivo dovremmo pensare che un uomo che ama le coccole della madre sia un immaturo? Anzi un uomo che dimostra la sua voglia di tenerezza è senz’altro un uomo dall’animo delicato. Dovremmo pero’ sensibilizzare gli ultratrentenni sul tema dell’osteoporosi: le donne da una certa età in poi possono avere problemi a portarli in braccio.


3.Il vero problema secondo te sono le mamme italiane che non li lasciano andare, o sono i figli e non vogliono allontanarsi dalla mamma?
Manleverei da ogni responsabilità sia madri che figli, anche per non creare conflitti in famiglia; e porrei l’accento sull’inadeguatezza delle abilità culinarie delle nuove generazioni. Se non esiste fidanzata, amica o persino ristorante in grado di reggere il confronto con il tiramisù della mamma, non si può certo puntare il dito contro il maschio buongustaio o la mamma chef.



4.Uno studio dell’università dell’Arizona ha portato a pensare che il mammone sia l’uomo perfetto in quanto sensibile, empatico, comprensivo, fedele, di una buona salute, portati per relazioni a lungo termine, tipicamente non aggressivi e particolarmente sensibili. Stando a tutto questo: meglio un uomo apparentemente perfetto che a 30 anni ancora si rivolge alla propria madre per tutto, invece che alla fidanzata o facendo affidamento su se stesso, oppure meglio un uomo meno “principe” ma che sappia arrangiarsi nella vita di tutti i giorni?
Gli Stati Uniti hanno 50 stati. Se l’Arizona è stato ammesso solamente come 48esimo, ci sarà un motivo?!

5.Si sa che noi donne in un uomo cerchiamo, oltre a tutto il resto, anche protezione e autorità (le cosiddette palle). Un uomo che ha bisogno della sicurezza della madre, può donare sicurezza alla propria compagnia? 
Solo se appartiene alle forze dell’ordine. Minimo vigile.

6.Meglio stronzo o mammone? 
Qui non c’è molta differenza fra le due categorie. Considerando che il mammone ritiene la propria madre la donna migliore del mondo (la fidanzata occupa generalmente il 4°posto, dopo calcetto e tiramisù), gli viene assegnata di diritto anche la qualifica di “stronzo”.


7.Ti è mai capitato di avere una suocera particolarmente invadente? In che modo lo era? Hai taciuto per amore o l’hai affrontata?
Sì, mi è capitato, dopo un primo tentativo di concertazione naufragato sul tema delle vacanze “tutti e tre insieme, ma che bello!”, l’ho affrontata nell’unico modo possibile: gancio, montante e diretto alla mascella. Sono partiti per Palma de Mallorca.

8.Gli italiani vengono “ridicolizzati” anche all’estero grazie ad uno spot norvegese inquadrò proprio l’uomo italiano come un mammone viziato. Tu invece, donna italiana, come vedi i nostri uomini? 
Eh, come li vedo?! Di solito di spalle mentre li rincorro!

9.Cosa vorresti dire agli uomini che ci stanno leggendo?
Ah leggono?!




Post più recente Post più vecchio Home page

0 commenti: