Girl Power: Winnie Harlow e il coraggio di essere se stessi

By | Leave a Comment

Siamo nel 2016 e viviamo in una società sempre più consapevole di quanto sia superficiale. La consapevolezza di quanto questo sia limitante e invalidante per tutti noi, invece, non credo faccia parte di chiunque. Anzi, sempre più spesso nel tempo ci siamo imbattuti in persone visibilmente incapaci di accettare il prossimo per quello che è (dai semplici compagni di scuola a persone decisamente più influenti nell'ambiente lavorativo), costringendo ragazze e ragazzi, specialmente di giovane età, a sentirsi sbagliati. Ecco, poi, come si arriva a essere uno stereotipo sociale o si investono soldi, energie e salute per diventare qualcosa che non si è.
Tutto ciò non fa parte della modella canadese, di origini giamaicane, di 21 anni Winnie Harlow. Da sempre malata di vitiligine (malattia che causa la depigmentazione della pelle causata dal fatto che le cellule, chiamate melanociti,
responsabili del nostro colore cutaneo muoiono e non si rigenerano più). Winnie non ha mai permesso a questa condizione di incidere negativamente sulla sua vita: "Quando sei tu ad accoglierti, quello che dice la gente non ti ferisce più" racconta fiera di essere ciò che è. Quando era piccola di certo non sono mancate le prese in giro e le battute, compreso chi la chiamava "mucca" a causa delle sue macchie sulla pelle. Sua mamma cercava di coprire le sue macchie con del fondotinta, cosa che a Winnie, che voleva essere semplicemente se stessa, e al papà non piaceva affatto. A 4 anni comparvero le prime macchie e da lì iniziò una vita tormentata: si spostava in continuazione da scuola a scuola a causa delle prese in giro che, non solo non le permisero di farsi degli amici, ma addirittura non le permisero di finire gli studi. Con il tempo pensieri suicidi iniziarono a impossessarsi di lei, e poi la svolta: American's Next Top Model. Arrivò al 4° posto in mezzo a 16 concorrenti, ma riuscì lo stesso a diventare esempio di forza per tutte le ragazze, malate di vitiligine e non. Adesso è una ragazza cambiata: forte, combattiva e che, soprattutto, ha imparato ad amarsi per quello che è. "Nessuno è perfetto e privo di difetti. Tutti dobbiamo essere felici per quello che siamo e che ci è stato dato. Siamo tutti unici e speciali a modo nostro. Dobbiamo vivere con amore... e tutto il resto verrà da sé".






Post più recente Post più vecchio Home page

0 commenti: